Processo Rigopiano, rinviata seconda udienza preliminare. Ex sindaco Farindola aggredito da madre Feniello

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Rinviata la seconda udienza preliminare del procedimento sulla tragedia di Rigopiano che era in corso di svolgimento questa mattina.

Il motivo è nel legittimo impedimento dell’imputato ed ex sindaco di Farindola, Massimiliano Giancaterino, che questa mattina è stato aggredito nel bar del tribunale di Pescara dalla madre di Stefano Feniello, il giovane di Valva tra le 29 vittime del disastro dell’Hotel Rigopiano di Farindola. Il Giudice per l’Udienza Preliminare Gianluca Sarandrea, intorno alle 10.30, aveva disposto una pausa, per consentire lo svolgimento di un altro procedimento in programma nella stessa aula. Durante la pausa, al bar, Giancaterino è stato aggredito e picchiato da Maria Perilli, madre di Stefano Feniello.

Al rientro in aula, dopo circa un’ora, il legale dell’ex sindaco di Farinsola ha chiesto e ottenuto il rinvio, per legittimo impedimento del suo assistito “trasportato in ospedale dove gli sono stati diagnosticati un trauma cranico, un trauma all’arto superiore sinistro e dolore al torace.

“Hai firmato la condanna a morte di mio figlio” così avrebbe urlato la donna al momento dell’aggressione. Ora rischia una denuncia. La donna ha minimizzato le conseguenze del suo gesto spiegando: “Lui è il doppio di me quindi potete immaginare il male che gli ho fatto”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento