Presidio a Salerno dei sindacati per estensione permesso di soggiorno per chi ha perso lavoro

I sindacati CGIL, CISL e UIL hanno indetto per martedì prossimo 28 giugno un presidio sotto la Prefettura di Salerno in Piazza Amendola, dalle 11.00 alle 12.00, per chiedere al Governo di estendere a 24 mesi il permesso di soggiorno per il lavoratori migranti che hanno perso il lavoro.

Negli ultimi 8 anni, la crisi economica in Italia ha colpito duramente anche il lavoro degli stranieri, tanto che il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 17%.

Sono tantissimi i lavoratori migranti nel salernitano che, a seguito della normativa restrittiva vigente nel nostro Paese, vedono messa in discussione la loro permanenza perché non riescono a rinnovare il permesso di soggiorno per mancanza di lavoro.

A causa del mancato rinnovo dei permessi moltissimi emigranti sono finiti nell’illegalità del lavoro sommerso che alimenta un grave sfruttamento lavorativo e quindi, fenomeni di lavoro forzato.

Le tre sigle sindacali salernitane chiedono di monitorare il comportamento delle Questure affinché il permesso venga correttamente e omogeneamente rinnovato su tutto il territorio nazionale.

CGIL CISL e UIL hanno chiesto al Prefetto di poter essere ricevuti per consegnare un documento a sostegno delle ragioni della mobilitazione.

Lascia un Commento