Praiano (SA) – Paura per un parapendista. Appeso per tre ore. Salvato

Brutta avventura ieri pomeriggio a Praiano, per un parapendista che ha dovuto attendere quasi tre ore prima di essere messo in salvo dai soccorritori, dopo essere rimasto con le corde del parapendio in cima ad un costone roccioso penzolando su uno strapiombo di circa 80 metri. Dopo vari tentativi, l’uomo è stato recuperato da un vigile del fuoco calatosi lungo la roccia con un verricello. Il parapendista si era lanciato da Santa Maria del Castello di Vico Equense con un elicottero. Dopo le difficili e lunghe operazioni di soccorso andate a buon fine, il parapendista, in elicottero, è stato trasferito nella piazza di Praiano dove è stato soccorso da un’ambulanza.
"Abbiamo tutti temuto il peggio, fino al liberatorio sollievo finale". Ha detto Salvatore Gagliano, ex consigliere regionale della Campania e titolare dell’hotel Tritone di Praiano, a pochi passi da quel costone roccioso dove il parapendista è rimasto sospeso alle corde per circa tre ore. "E’ stato un pomeriggio di tensione e di grande attesa – ha spiegato Gagliano – il giovane, da quanto mi è stato riferito dai soccorritori, è stato sempre vigile, rispondendo alle sollecitazioni di quanti operavano nella zona". Immediati anche i soccorsi. A dare l’allarme è stato l’altro parapendista che è atterrato proprio sulla strada statale della Costiera. Si è poi appreso che il parapendista protagonista dello sfortunato episodio è un 34enne di Reggio Emilia che si trovava in penisola sorrentina per le vacanze.

Lascia un Commento