POTENZA – Tassista ucciso, pena ridotta a 30 anni

E’ stata ridotta a trent’anni la pena per Gentian Belegu, l’albanese di 34 anni accusato di aver ucciso nel marzo 2007, il tassista Dante Libonati, originario di Rotonda in provincia di Potenza. Belegu era stato condannato all’ergastolo il 13 maggio dell’anno scorso nel processo con rito abbreviato. La corte d’assise e d’appello dell’Aquila ha così riformato la sentenza di primo grado della corte d’assise di Pescara. Il corpo senza vita di Libonati, 77 anni, residente da tempo in Abruzzo, fu ritrovato tre giorni dopo l’omicidio in un campo di ulivi a Francavilla al Mare in provincia di Chieti. L’uomo fu strangolato con del filo di ferro. L’albanese, clandestino, probabilmente non aveva i soldi per pagare la corsa del taxi e aveva ucciso Libonati temendo di essere denunciato.

Lascia un Commento