POTENZA – Claps. Diocesi valuta di costituirsi parte civile

La Diocesi di Potenza, nella persona dell’arcivescovo Agostino Superbo, sta valutando di costituirsi parte civile nel processo a carico di Danilo Restivo, imputato per l’omicidio di Elisa Claps. Lo ha reso noto il legale Donatello Cimadomo, che ha preso parte all’udienza preliminare svoltasi ieri al Tribunale di Salerno, che si è conclusa con la fissazione del processo all’8 novembre con rito abbreviato. L’iniziativa della Dicoesi, però non piace alla famiglia Claps. Gildo, fratello di Elisa, si dice irritato per la presenza del legale in rappresentanza della Diocesi di Potenza. Gildo definisce grottesca la situazione perché in questi anni la Chiesa potentina, afferma, quanto meno si è macchiata di omissioni e ha inscenato quel teatrino del ritrovamento del 17 marzo.

Lascia un Commento