POTENZA – Caso Claps, per la Procura di Salerno vicina la svolta

Gli investigatori che indagano sul caso Claps a Potenza sarebbero vicini a una svolta nell’inchiesta sulla morte della studentessa scomparsa il 12 settembre del 1993. La valutazione del materiale raccolto in tanti giorni di sopralluoghi e l’avvicinarsi della relazione sull’autopsia, fanno ritenere prossima una svolta. Ieri, per la prima volta dal 17 marzo scorso, quando furono trovati i resti della ragazza, i tecnici della scientifica non sono saliti nel sottotetto della canonica della chiesa della Santissima Trinità. L’attenzione ora è concentrata su Danilo Restivo, unico indagato nell’inchiesta, residente in Inghilterra, il quale disse di aver visto Elisa uscire dalla chiesa e nei giorni scorsi ha più volte ribadito, sostenendo di essere innocente, la sua disponibilità a sottoporsi all’esame del dna.

Lascia un Commento