Porto di Parole a Salerno, la “bottega delle narrazioni differenti” con il coro pop più grande d’Italia

Seconda giornata oggi a Salerno, nel quartiere Santa Margherita, per “Porto di Parole – la bottega delle narrazioni differenti”.

Ascolta i collegamenti in diretta
Porto di Parole 1

Porto di Parole 2

Porto di Parole 3

Porto di Parole 4

Alle 11, spazio agli studenti di circa 20 scuole salernitane con i laboratori tenuti dagli scrittori, illustratori, artisti ed associazioni. In piazza a far risuonare la voce saranno ben 800 ragazzi che, guidati da Ciro Caravano, canteranno un’originale versione di “Soldi” di Mahmood riarrangiata in chiave completamente diversa dallo stesso Caravano. Sarà il coro più grande d’Italia mai messo in piedi. La performance sarà il momento finale di un percorso dedicato proprio al canto corale, realizzato insieme al Coro Pop, al Corlo Pop Junior ed al Coro Posidonia.

Nel pomeriggio, dalle 18.30, ad accogliere i visitatori saranno i mimi del Teatro La Ribalta. In programma 6 eventi in contemporanea.

Poi alle 19 ci sarà Gianluca Gerlando Gentiluomo con lo spettacolo “Sale – spectacle de cirque, musique ed cordes d’amour” che nasce da un ricerca personale dell’artista attorno al tema della trasformazione e del rinnovamento.

Alle 19.30 torna “Steli” ed alle ore 20 Sicurteatro presenta “Pindarico”, un volo in bilico tra il reale e l’immaginario con creature straordinarie ed improbabili incontri come la danza di un polpo viola e d’argento e le ali variopinte di un coloratissimo uccello.

Alle 21 ci sarà l’“Old Jazz Orchestra”, la micro big band composta da Teresa Tomasine e Antoni0 che ha calcato le scene americane per oltre mezzo secolo. In occasione delle nozze d’oro di Tomasine e Teresa (ormai nonno) hanno ripreso la tournée.

Alle 22 Creme & Brulè incanterà grandi e piccini con lo spettacolo di fuoco “Viaggio al centro della terra”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento