Pontecagnano (SA) – Camorra. Sequestrati beni per 1 mln e 350mila euro

Beni per un valore di circa un milione e 350 mila euro, che sarebbero riconducibili ad un elemento di spicco della criminalità organizzata, sono stati sequestrati dai carabinieri della compagnia di Battipaglia, a Pontecagnano, nell’ambito di un’attività investigativa, coordinata dai magistrati della Dda di Salerno. Si tratta di tre locali pubblici, in particolare un ristorante e due bar di Pontecagnano, che sarebbero riconducibili a Giuseppe Votta, 50 anni, ritenuto elemento di primo piano del clan camorristico Pecoraro-Renna che negli anni passati deteneva il controllo del malaffare nella piana del Sele e nel territorio dei Picentini. Oltre a Giuseppe Votta, sono otto le persone indagate per il reato di trasferimento fraudolento di valori. I provvedimenti emessi prevedono la possibilità agli esercizi commerciali di proseguire l’attività sotto la gestione di un curatore nominato dall’Autorità Giudiziaria, per scongiurare il rischio di licenziamento dei 10 dipendenti.

Lascia un Commento