Pontecagnano: Operazione Cabana Beach, 23 avvisi per titolari di stabilimenti

Sono 23 le persone indagate in un’inchiesta della Procura della Repubblica di Salerno, diretta dal procuratore aggiunto Erminio Rinaldi, e condotta per due anni dalla Capitaneria di porto, nel territorio di Pontecagnano. L’avviso di conclusione indagini è stato notificato ai titolari di stabilimenti balneari, per violazione delle norme urbanistiche, paesaggistiche e demaniali marittime. Sono accusati di aver effettuato, fra il 2011 e il 2013, il montaggio con modalità costruttive ed in tempi diversi dei manufatti stagionali, in assenza del titolo edilizio, nonché dell’autorizzazione paesaggistica. Nelle indagini è coinvolto anche un tecnico del Comune di Pontecagnano.

Oltre al reato di costruzione abusiva viene contestata la violazione alle norme paesaggistiche ambientali per aver effettuato il montaggio preventivo delle strutture a servizio dell’attività balneare, senza richiedere l’autorizzazione paesaggistica. La Guardia Costiera ha quantificato una occupazione di suolo demaniale marittimo di oltre 23mila mq, che moltiplicato per i due anni di accertamenti sono pari ad una occupazione complessiva di circa 46mila metri.

 

Lascia un Commento