Pontecagnano Faiano, per l’ex consigliere Anastasio cade l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso

Cade l’accusa più grave di associazione a delinquere di stampo mafioso a carico dell’ex consigliere comunale di Pontecagnano Faiano, Antonio Anastasio.

Il tribunale del Riesame di Salerno, infatti, nel confermare gli arresti domiciliari, ha chiesto ad Anastasio solamente di chiarire la questione relativa al rapporto con Francesco Mogavero nell’ambito della tentata violenza nei confronti del consigliere comunale Luigi Bellino, il cui voto in consiglio comunale era fondamentale per l’approvazione del Bilancio e quindi della tenuta dell’amministrazione comunale.

Nei giorni scorsi, il segretario comunale di Pontecagnano, Liliana Sada, ha respinto le dimissioni da consigliere di Anastasio perché sostiene che non sono corrispondenti a quanto stabilito dalla legge in materia.

Antonio Anastasio resta sospeso dalla carica di consigliere comunale in attesa di una decisione della Corte di Cassazione, chiamata ad esprimersi sulla vicenda.

Lascia un Commento