Pomodoro da industria 2016, pronti… partenza… via

Al via la campagna di trasformazione del pomodoro da industria 2016.

L'Anicav, l'associazione nazionale dell'industria conserviera, insieme delle Organizzazioni Sindacali campane di categoria oggi ha dato ufficialmente il via alla campagna di trasformazione del pomodoro da industria con una visita a due stabilimenti produttivi, la salernitana Doria di Angri, e La Torrente di Sant'Antonio Abate in provincia di Napoli, scelti simbolicamente in rappresentanza di tutte le imprese presenti sul territorio campano.

La Campania oggi è il maggiore bacino di produzione di pomodoro trasformato. Su 120 aziende operanti in Italia, ben 70 sono campane, concentrate prevalentemente nelle province di Napoli e Salerno. Qui sono presenti i principali gruppi del comparto agroindustriale che fatturano circa 1 miliardo e mezzo di euro su un fatturato nazionale totale di 3 miliardi.

Le aziende campane sono leader soprattutto nella produzione del pomodoro pelato. Il comparto ogni anno impiega circa 3.000 lavoratori fissi e circa 12.000 lavoratori stagionali ogni anno.

Lascia un Commento