Pollica (SA) – Due anni fa l’omicidio di Angelo Vassallo

Due anni fa, la sera del 5 settembre 2010, veniva ucciso a colpi di pistola, a pochi passi dalla sua abitazione ad Acciaroli di Pollica, il sindaco Angelo Vassallo. Le indagini ancora non hanno individuato un responsabile e i motivi dell’atroce delitto. Oggi a Pollica si svolgeranno delle iniziative in memoria del sindaco pescatore con la partecipazione di 35 sindaci da tutta Italia che hanno aderito all’iniziativa della Fondazione Vassallo. Per ricordare Angelo Vassallo nel corso della “Festa della speranza” si parlerà di “Bella politica”, a partire dalle 20, con il ministro della Coesione territoriale, Fabrizio Barca. Dalle 18:45 ci saranno 15 minuti di silenzio e saracinesche dei negozi abbassate per dare spazio alle riflessione.

“Sono passati due anni dalla morte di Angelo Vassallo ma le sue parole e la sua passione politica vivono ancora nell’esempio degli attuali amministratori del Comune di Pollica e di tanti giovani che l’hanno preso a modello”. Così Antonella Pepe, segretario regionale dei Giovani Democratici della Campania, e Vincenzo Pedace, segretario provinciale di Salerno. Secondo i Giovani democratici, il ricordo non basta: la politica deve imparare la sua lezione, e costruire una continuità ideale con le sue battaglie sui temi dell’ambiente, della legalità e della reale rappresentanza dei bisogni della gente.

Lascia un Commento