Polla – Caso Rosciano, Radicali in campo. Costituito comitato

Angelo Rosciano, diabetico e con gravi problemi di salute, con un arto amputato, sulla sedia a rotelle e semicieco, è stato oggetto di un provvedimento di revoca degli arresti domiciliari a seguito di una decisione del Tribunale di Sorveglianza di Potenza. Da circa tre mesi vive una condizione ritenuta dalla famiglia inaccettabile e per la quale si richiede l’applicazione della pena alternativa. Un detenuto che secondo Donato Salzano dei radicali è in pericolo di vita per il precario stato di salute. ieri sera presso la biblioteca comunale di Polla una conferenza stampa per illustrare le iniziative del neonato Comitato. Al centro dell’intervento di Salzano la situazione della giustizia italiana e soprattutto dei penitenziari, il sovraffollamento e l'urgente richiesta di amnistia. Non solo il caso di Angelo Rosciano ma anche quello di Vincenzo Sarno, entrambi detenuti a Poggiorale. Una battaglia intrapresa dai Radicali per l'amnistia, sostenuta con forza da Marco Pannella, che pone all’attenzione mediatica i casi umani di questo Paese e lo Stato di Diritto che sembra essere svanito per le condizioni disumane che si vivono in regime carcerario. "Una sottoscrizione di firme ma non solo; chiediamo a tutti di inviare cartoline indirizzate ad Angelo, a questo indirizzo: Angelo Rosciano, Casa Circondariale di Napoli Poggioreale, via Poggioreale 160 – 80143 Napoli, Padiglione San Palo stanza 14 – ha affermato Donato Salzano – un modo per far sentire che il Comitato è vicino alla condizione dei detenuti che soffrono".

Lascia un Commento