Polistena (RC) – Operaio di Eboli senza stipendio si incatena ad una gru a 30 mt

Un operaio di Eboli, Nicola Paolillo, questa mattina si é incatenato su una gru, a circa 30 metri di altezza, in un cantiere edile a Polistena, in provincia di Reggio Calabria, dove si sta realizzando la nuova sede dell’istituto alberghiero. L’uomo, protesta per il mancato pagamento degli stipendi di gennaio, febbraio e marzo da parte della società Gival che ha appaltato i lavori per conto della Provincia di Reggio Calabria. La società, circa un anno fa, è stata posta sotto sequestro preventivo per un’inchiesta sulle cosche della ‘ndrangheta. Il tribunale ha nominato un curatore amministrativo che sta gestendo la società che aveva 24 dipendenti e che adesso ne ha solo dieci. L’uomo, è in una situazione di equilibrio precario perché la gru con il vento continua a girarsi. Sul posto sono intervenuti poliziotti, vigili del fuoco e anche sindacalisti che cercano di mediare per far desistere Paolillo dalla protesta estrema.

Lascia un Commento