Policastro Bussentino (SA) – Domani udienza preliminare sulla vicenda dell’impianto di itticoltura

Avrebbero impedito la gara pubblica per l’assegnazione di uno dei lotti del centro artigianale di località Hangar a Policastro Bussentino, favorendo l’allora amministratore unico della Norit, Francesco Vaccaro, nella realizzazione dell’impianto di itticoltura a pochi passi dal mare e dalla foce del fiume Bussento. Per una ventina di persone, in larga parte consiglieri ed amministratori dell’ex Comunità Montana del Bussento tra cui l’ex presidente Romeo Esposito, è prevista domani davanti al gup presso il tribunale di Vallo della Lucania, Di Filippo, l’udienza preliminare del processo per turbativa d’asta. Tra gli indagati anche l’attuale sindaco di Sapri, e consigliere della comunità montana all’epoca dei fatti, Giuseppe Del Medico. Per Vaccaro ed Esposito c’è anche l’accusa di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, in quanto l’ex primo cittadino di Caselle in Pittari avrebbe accolto l’istanza illegittima di Vaccaro incassando da quest’ultimo, in cambio, tre assegni per una somma pari a 12000 euro. Le indagini sugli atti che portarono alla realizzazione dell’impianto di itticoltura nella frazione rivierasca del comune di Santa Marina partirono nel 2005 dopo le reiterate proteste di vacanzieri e operatori turistici a causa del mare sporco.

Lascia un Commento