Piccole imprese tartassate dal fisco, Salerno al top

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

La città di Salerno risulta essere fra quelle che in Italia tartassano maggiormente le piccole imprese con Irap, Irpef, addizionali regionale e comunale, Imu, Tasi, Tari e contributi previdenziali.

A pagare di più in assoluto sono le piccole imprese con sede a Reggio di Calabria dove il reddito che rimane loro è solo del 26,6% per una pressione fiscale pari al 73,4%. Le altre città che tartassano di più le piccole e medie imprese sono nell’ordine Bologna con una pressione fiscale di oltre il 72%, seguita da Roma e Firenze al 69,5%, Catania (69%), Bari (68,5%), Napoli (68,2%), Cremona e Salerno al 67,3%, Foggia (66,8%).

E’ quanto emerge dal Rapporto dell’Osservatorio Cna sul fisco.

Al contrario le città dove le imprese sono meno tartassate sono Gorizia, dove la pressione fiscale è del 53,8%, Udine (54,5%) e Imola (54,9%).

Di conseguenza mentre a Reggio Calabria il giorno in cui si smette a lavorare per pagare le tasse e si comincia a lavorare solo per se stessi è il 24 settembre, a Gorizia quel giorno è anticipato al 14 luglio.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento