Piazza della Libertà a Salerno, 13 imputati assolti per prescrizione dei reati

13 imputati sono stati assolti per prescrizione dei reati ieri dal Giudice monocratico del Tribunale di Salerno, chiamato a decidere sul filone d’inchiesta di Piazza della Libertà che ha riguardato l’illecito smaltimento di rifiuti.

Ricordiamo che l’inchiesta fu aperta a seguito del crollo di una parte della pavimentazione.

Un altro filone dell’indagine ha poi riguardato la variante urbanistica dell’opera che coinvolge anche l’allora sindaco De Luca.

Per quel che riguarda poi l’accusa di organizzazione del traffico illecito di rifiuti in discarica a Pellezzano dei rifiuti di cantiere, il giudice ha assolto altre 6 persone perché il fatto non costituisce reato.

Gli unici condannati a due mesi (pena sospesa) per il lavaggio delle betoniere sul cantiere, Armando ed Enrico Esposito, Nicola Giuseppe Grimaldi e Salvatore Costantino. Gli stessi dovranno anche risarcire la parte civile di 4mila euro e pagare le spese processuali.

La Procura aveva chiesto complessivamente 13 anni e quattro mesi di reclusione, quindi una sanzione pecuniaria, per la Esa Costruzioni Generali, pari a 103.200 euro e per la Me.Ca pari ad 80mila euro. Ma la responsabilità amministrativa delle due società non è stata riconosciuta dal giudice Zunica.

Lascia un Commento