Percorso femore, eccellenza all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno. I dati

Il percorso femore all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno negli ultimi due anni ha ottenuto risultati eccellenti, tanto da essere collocato fra i primi a livello nazionale dall’AGENAS. Infatti, a fronte della soglia minima richiesta del 60% il Ruggi offre risposte adeguate agli standard richiesti in oltre l’81% dei casi collocandosi al 4° posto in Italia.

Un grande salto se si considera che nel 2016 questo era proprio un punto dolente dell’Azienda ospedaliera di Salerno. Operare, infatti, di frattura al femore gli over 65 entro le 48 ore dall’arrivo in pronto soccorso era un risultato che si riusciva ad ottenere solo per l’11% dei pazienti. Nel 2015, addirittura per il 5%.

Poi è arrivata la tanto sospirata integrazione tra mondo ospedaliero ed universitario e i risultati prodotti da questa esperienza congiunta “sono stati stupefacenti, a testimonianza che una intelligente collaborazione può solo produrre buoni risultati”, dichiarano dal Ruggi. Il direttore generale Giuseppe Longo, evidenziando il valore raggiunto ora, che è superiore all’80%, afferma che l’Azienda ospedaliera universitaria di Salerno rappresenta un modello organizzativo significativo anche perché rappresenta un nuovo modo di valutare la sanità.

Lascia un Commento