Parti cesarei in diminuzione negli ospedali del Salernitano

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Diminuiscono i parti cesarei nelle strutture sanitarie di Salerno e provincia in favore dei parti naturali. Emerge dagli ultimi dati, certificati dal Ministero della Salute, dei reparti maternità degli ospedali nel 2018.

Nel 2015 la percentuale dei parti cesarei era del 65,34% del totale dei parti negli ospedali e nelle cliniche salernitane. In pratica due bambini su tre su un totale di 8494 nati sono nati con parto cesareo. Nel 2018, grazie ad una diversa organizzazione delle strutture e ad un cambio soprattutto culturale, la percentuale dei cesarei si è ridotta al 37,51% del totale dei parti con cui sono venuti alla luce i 7550 bimbi nati tra Salerno e la provincia.

Al primo posto della classifica con più parti cesarei si colloca il “Villa Malta” di Sarno dove sono stati effettuati 131 cesarei su un totale di 451 parti; a seguire il “San Luca” di Vallo della Lucania dove su 181 parti, 98 sono stati cesarei; seguono la “Villa del Sole” di Salerno, la clinica “Malzoni” di Agropoli, l’ospedale “Santa Maria della Speranza” di Battipaglia, l’“Umberto I” di Nocera Inferiore, il “Luigi Curto” di Polla, l’“Immacolata” di Sapri e infine il “Ruggi” di Salerno dove su 1304 parti solo 499 sono stati cesarei

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Lascia un Commento