Parco, il Ministero dell’ambiente boccia il piano di sburocratizzazione

Il Ministero dell’Ambiente ha bocciato il piano di sburocratizzazione approvato ad fine ottobre dal direttivo del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni. 
La delibera, sulle linee di indirizzo per la semplificazione delle procedure amministrative dell’Ente, era stata concepita come un provvedimento per rendere più semplice le procedure ai cittadini che vivono nell’area protetta e, soprattutto, eliminare il preconcetto che vede il Parco come l’ostacolo alla crescita.

Nel documento erano stati evidenziati situazioni e interventi, differenziati per tipologia e per zone di classificazione del Parco, che non era più necessario sottoporre a nulla osta dell’Ente. 

Lascia un Commento