PALARUSSO – Cinzia Leone contro Sanremo, un folto pubblico per ‘Poche idee e basta’

Cinzia Leone contro Sanremo al Palarusso di Sala Consilina. Non era facile portare spettatori a teatro nella serata finale del Festival, ma sabato un folto pubblico ha voluto assistere alla straordinaria performance dell’attrice ed autrice romana in scena al teatro tenda con “Poche idee e basta!”, scritto a quattro mani con Fabio Mureddu, per la regia di Walter Nanni.

Spettacolare e sorprendente sin dall’entrata in scena: Cinzia Leone è salita sul palco passando attraverso il pubblico portata a spalla dagli uomini della sicurezza del Palarusso. Una volta sul palco ha invitato tutti gli spettatori che erano nel settore più arretrato ad avanzare per riempire tutte le file più avanzate. Oltre 500 gli spettatori che si sono divertiti assistendo ad uno spettacolo che altro non è che “la sarcastica critica rivolta alla società dei nostri giorni, una spietata, velenosa e a tratti malinconica analisi che non salva nessuno”. Come la stessa Leone ha detto in una intervista a Radio Alfa, rilasciata dopo lo spettacolo, “la realtà non è mai stata così spettacolare. Nessuno si accontenta più di niente e qualsiasi banalità viene trasformata in un grande evento. Tutto diventa reality”. L’attrice romana non è contro i reality in tv ma contro la trasformazione e l’esagerazione dei fatti della realtà quotidiana.

La stagione teatrale del Palarusso sabato 26 febbraio 2011, per il suo decimo appuntamento propone “Giorni scontati” di Antonella Fattori e Daniela Scarlatti per la regia di Luca De Bei. Lo spettacolo è inscenato nella cella di un carcere femminile dove scontano la loro pena l’algida Viviana, rinchiusa da tempo memorabile e Lucia, colpevole di omicidio. In una notte di novembre vengono arrestate altre due donne: Rosa, una ladra ex-tossicodipendente e Mariapia, un’imprenditrice edile. Le quattro detenute devono convivere in una cella di pochi metri quadrati con tutti i problemi che la carcerazione comporta.

E per gli ascoltatori fedelissimi di Radio Alfa la possibilità di aggiudicarsi l’ingresso gratuito anche per il prossimo spettacolo.

 

 

Lascia un Commento