Pagani (SA) – Arresto per tentata estorsione aggravata

Tentata estorsione aggravata in concorso. È l’accusa con la quale il pregiudicato Vincenzo CONFESSORE, di 31 anni, di Pagani affiliato al clan camorristico “Fezza”, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai carabinieri. Le indagini sono partite lo scorso 25 febbraio,  quando il titolare di una ditta di costruzioni ha denunciato ai militari che alcuni giorni prima, due persone a bordo di un ciclomotore, e armati di pistola, si sono presentati al cantiere di via Fontana, chiedendo denaro agli operai. Proprio il 25 febbraio, poi, al cantiere si è poi presentato l’arrestato che ha minacciato di bruciare i mezzi se non avessero aderito alla richiesta. I complici sono ancora in corso di identificazione.

Lascia un Commento