Pagani – Arrestato neomelodico. Ai Carabinieri si proclama vittima

Interrogato in caserma a Pagani dai carabinieri, Alfonso Mangella, in arte Zuccherino, cantante neomelodico, si è difeso affermando di essere stato vittima di un attentato ad opera di due giovani, giunti in piazza sant’Alfonso di Pagani, in sella ad un motorino e con i volti coperti dai caschi. A quel punto si sarebbe difeso sparando dei colpi di pistola. Zuccherino intorno alle 2,30 di domenica è stato bloccato sotto la propria abitazione, non molto distante dal luogo della sparatoria, assieme a Francesco Francese. Salvatore Pecoraro, l’altro fermato per la sparatoria, invece, è stato arrestato nella propria abitazione un’ora più tardi. La versione del cantante neomelodico non si discosta da quella fornita dagli altri due giovani.

I carabinieri hanno trovato nella Mini Cooper dalla quale Zuccherino era sceso da poco, un proiettile calibro 7,65, lo stesso del bossolo rinvenuto in Piazza Sant’Alfonso. E’ stato fissato per oggi nel carcere di Salerno l’interrogatorio di convalida de fermo dei tre giovani da parte del Gip del tribunale di Nocera Inferiore.

Lascia un Commento