Paestum – Le chitarre parlanti di Daniele e Palmer incantano i quasi 4mila del Teatro dei Templi

E’ stato il trionfo della musica, quella suonata magistralmente alle chitarre da Pino Daniele e Phil Palmer, al contrabbasso elettrico da Rino Zurzolo, alla batteria da Tullio De Piscopo, e al pianoforte da Elisabetta Serio, ieri sera a Paestum (Sa) al Teatro dei Templi, allestito nella suggestiva area archeologica per gli eventi  organizzati da Anni60 Produzioni. 
Il concerto di Pino Daniele, che ha registrato il quasi tutto esaurito, (poche decine di posti liberi dei 4mila disponibili), sabato 24 agosto, è stato la ciliegina sulla torta degli eventi musicali di questa estate live a Paestum che ha visto l’esibizione di altre due colonne della musica italiana: Marco Mengoni, il 4 agosto, I Pooh il 12 agosto con “Opera Seconda in Tour”.
Il blues del “mascalzone latino” sabato 24 agosto ha trionfato all’ombra dei templi greci di Paestum proponendo e rivisitando vecchi e nuovi successi come già fatto dal cantautore partenopeo nella sua Napoli a gennaio al Palapartenope e poi nel tour internazionale, che ha visto protagonista Daniele e i suoi amici musicisti a giugno tra Londra, Bruxelles, New York, San Francisco e Toronto. 
Il bluesman ha proposto una serata live con le sue chitarre parlanti che hanno dialogato, è il caso di dire, con quelle di un chitarrista di grande esperienza come Phil Palmer che nella sua lunga carriera ha suonato con grandi nomi della musica internazionale, da Bob Dylan , Frank Zappa, Eric Clapton, Elton John fino agli italiani Lucio Battisti, Claudio Baglioni e Francesco De Gregori. Un viaggio musicale quello di Pino Daniele tra passato e presente, con “Napule è”, “A me me piace ‘o blues”, “Je so pazzo”, “Quanno chiove”, “Quando”, “O Scarafone”, “Io per lei”, “Anima”, “Amici come prima”  e altri successi per quasi due ore di spettacolo.  Tutte canzoni che hanno coinvolto in maniera naturale ed entusiastica, ma anche con un tocco di nostalgia, il folto pubblico formato soprattutto da over  40.

Lascia un Commento