Paestum, lavori in corso al Tempio di Nettuno contro il biodegrado

Nei prossimi due mesi i visitatori del Parco Archeologico di Paestum vedranno, presso il Tempio di Nettuno, un braccio mobile con una piattaforma che servirà a portare i restauratori alle parti più alte dove stanno intervenendo per contrastare il “biodegrado”.

Si tratta soprattutto di erbe e piccoli arbusti che rappresentano alcune tra le minacce più gravi per la conservazione del tempio greco che, lo ricordiamo, è quello meglio conservato della penisola.

Facilitati dalla porosità del travertino locale usato per la costruzione del tempio, polvere e semi si inseriscono nelle cavità del monumento e le loro radici rischiano di distruggere i blocchi.

I lavori si inseriscono nel programma di manutenzione elaborato dopo il grande restauro degli anni ’90 ma fermo dal 2009 per mancanza di fondi. Dopo la riforma del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali nel 2015, il nuovo direttore Gabriel Zuchtriegel si era subito attivato per riprendere le attività.

L’intervento, per un importo a base d’asta di 163mila Euro, è coordinato dall’architetto Rosalba De Feo della Soprintendenza di Pompei.

Lascia un Commento