Padula, restituite le opere appartenenti al patrimonio artistico della Diocesi. Ascolta l’intervista

Si è tenuta ieri pomeriggio presso la Certosa di Padula, la cerimonia per la restituzione delle opere appartenenti al patrimonio artistico della Diocesi di Teggiano-Policastro, che sono state recuperate dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, per un valore di circa 200mila euro.

Si tratta di una tela con santi risalente agli inizi del XIX secolo trafugata dalla parrocchia di San Pietro al Tanagro negli anni Novanta; di un bambinello in legno scolpito e dipinto e di un turibolo in argento sbalzato e cesellato, entrambi del XVIII secolo, rubati nel 2016 dalla chiesa di San Pietro Apostolo di Sala Consilina; delle lastre in marmo di Carrara dell’altare maggiore, e degli intarsi marmorei di fine XVIII secolo; e infine di una lastra di tabernacolo dell’altare di San Biagio, della metà del XVIII secolo, rubata dalla chiesa di Santa Maria Maggiore di Atena Lucana alla fine degli anni Novanta.

Pasquale Sorrentino ne ha parlato con il Colonnello Alberto Deregibus, Vice Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.
Alberto Deregibus

Lascia un Commento