Padula, pastore morì dopo aggressione. Padre e figlio tornano in libertà dopo 5 anni

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

La Corte d’Appello di Salerno ha annullato senza rinvio la sentenza di condanna a carico di Francesco e Tony Lovisi, padre e figlio, arrestati con l’accusa di aver aggredito e provocato la morte del pastore di 48 anni di Padula, Domenico Lo Sasso.

La vicenda – come scrive il Mattino – risale al febbraio del 2011 quando il pastore fu aggredito a bastonate in un terreno al confine tra i comuni di Padula e Montesano sulla Marcellana.

La lite scoppiò per motivi di pascolo e Lo Sasso fu colpito a bastonate riportando lesioni alla testa e al volto. Trasportato prima all’Ospedale di Polla e poi a quello di Vallo della Lucania in gravi condizioni, l’uomo accusò dell’aggressione Francesco e Tony Lovisi finiti in carcere nel 2012.

Padre e figlio hanno scontato quasi 5 anni in carcere ed ora sono tornati in libertà per decisione dei giudici della Corte d’Appello che hanno accolto la tesi difensiva annullando, senza rinvio, la condanna ritenendo insufficienti gli elementi accusatori che si fondavano unicamente sulle dichiarazioni della vittima, deceduta un anno dopo l’aggressione per infarto. Nel frattempo i Lovisi hanno già scontato la pena. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento