Opere pubbliche a Salerno, il futuro del Crescent e del cantiere Porta Ovest

Opere pubbliche a Salerno. Per un’opera che sta per ripartire un’altra sulla quale si addensano nubi.

Il cantiere del Crescent può ufficialmente ripartire. L'impresa incaricata della realizzazione della mezzaluna di bofill, il Gruppo Rainone, ha versato, come richiesto dal comune, l’anticipo per i costi delle opere di urbanizzazione… la documentazione è al vaglio dei giudici della Seconda sezione penale del Tribunale di Salerno che dovranno, con decreto, dare il via libero definitivo al dissequestro dell’opera. Placet definitivo che potrebbe arrivare già il prossimo giovedì quando è in programma una nuova udienza per le violazioni sulla costruzione della mezzaluna.

Contemporaneamente a Salerno però si discute anche sul futuro di Porta Ovest. I lavoratori, una 40ina, impegnati nella messa in sicurezza del cantiere che è sottoposto a sequestro, non ricevono lo stipendio da 5 mesi. Sul caso si è impegnato anche il prefetto Malfi.

Barbara Albero ha intervista l'assessore all'Urbanistica di Salerno Mimmo De Maio sul caso Crescent, e ha raccolto il parere di Patrizia Spinelli della Uil sul cantiere Porta Ovest.

Riascolta qui le interviste 

De Maio e Spinelli su Crescent e Porta ovest

Lascia un Commento