Operazione “Un’altra storia”, usura ed estorsioni. I dettagli sugli sviluppi

Sono 5 le ordinanze ai domiciliari nei confronti di 5 soggetti ritenuti responsabili di reati di estorsione ed usura.

Sono state anche eseguite perquisizioni con il sequestro del 25% delle quote societarie di una società dedita al calcestruzzo, la Nocerina Calcestruzzi srl. l’attività investigativa è un prosieguo dell’operazione “Un’altra storia” culminata con il provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 21 soggetti.

In questa seconda tranche è emersa la presenza di un’intera famiglia dedita all’usura e alle estorsioni. il capo indiscusso era Macario Mariniello, già affiliato alla “nuova camorra organizzata”e alla “nuova famiglia”. nella banda anche la consorte Maria Teresa Pellegrino e i cognati, Maurizio e Gaetano Pellegrino.

Il gruppo, secondo gli inquirenti, non esitava ad impiegare metodi violento per l’esazione dei crediti. E’ stato spiccato un mandato di arresto europeo nei confronti di Macario Mariniello che dallo scorso anno risulta nelle canarie, a Las Palmas. Le indagini hanno accertato che Giuseppe Mariniello, fratello di Macario, fosse di fatto il socio occulto di Mario Tedesco, già amministratore unico della Nocerina Calcestruzzi srl. Giuseppe Mariniello già condannato per 416 bis, destinatario di misura di prevenzione della sorveglianza speciale, con obbligo di soggiorno per 3 anni, aveva fittiziamente intestata il 25% delle quote della società alla compagna Silvana Santonicola.

Ascolta l’intervista realizzata da Barbara Albero al Procuratore Capo di Salerno, Corrado Lembo

Lembo su operazione Altra Storia

Lascia un Commento