Operazione Antimafia a Scafati, i dettagli dell’operazione

Quattro arresti in carcere e due ai domiciliari sono stati eseguiti nel corso della vasta operazione antimafia scattata oggi all’alba nel territorio di Scafati e che ha visto impegnati circa 200 carabinieri del Comando provinciale di Salerno, con l’ausilio di unità cinofile e il supporto di un elicottero.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Gli indagati sono accusati di almeno tre tentativi di estorsione, commessi tra i mesi di agosto e dicembre 2017, ai danni di imprenditori le cui minacce venivano formulate facendo leva sull’appartenenza al clan Matrone. Contestati anche reati in materia di armi, stupefacenti, danneggiamento ed altro, commessi con l’aggravante del metodo mafioso. Nel corso delle indagini infatti i carabinieri hanno sequestrato armi e ordigni esplosivi e circa 1 kg di stupefacenti.

Fra i nomi degli arrestati spiccano quelli di Giuseppe Buonocore, di 44 anni, e del 70enne Vincenzo Nappo. Il primo è genero di Francesco Matrone, elemento apicale del clan omonimo, attualmente detenuto nel carcere di Opera a Milano. Nel corso del blitz odierno i carabinieri hanno eseguito più di 30 perquisizioni domiciliari a carico di altrettanti indagati in stato di libertà.

Lascia un Commento