Operazione antidroga nell’Agro con base a Pagani. I dettagli in Procura. L’intervista

Vasta operazione antidroga oggi dei Carabinieri di Salerno nell’Agro nocerino-sarnese per eseguire un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 11 persone per le accuse di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di stupefacenti.

Gli indagati sono tutti residenti a Pagani. 6 di loro, fra cui il figlio del defunto boss Giuseppe Oliveri, sono accusati di essere i promotori e gli organizzatori. Per questi motivi sono finiti in carcere. Gli altri 5 indagati sono agli arresti domiciliari.

I carabinieri hanno eseguito anche 17 perquisizioni domiciliari e personali. In totale sono risultate coinvolte oltre 20 persone nell’attività di spaccio di cocaina e marijuana, anche minorenni, con base nel quartiere della Lamia di Pagani.

Gli investigatori hanno documentato oltre 100 episodi di spaccio attraverso intercettazioni e video riprese.

Altri dettagli dell’operazioni sono stati spiegati questa mattina, in conferenza stampa, dal procuratore aggiunto della Procura di Salerno, Luca Masini

Masini

Lascia un Commento