Operazione antidroga nel Salernitano, ascolta i dettagli

Maxi operazione antidroga questa mattina che ha permesso di sgominare una banda di persone dedita alla detenzione e allo spaccio di stupefacenti.

Nelle prime ore della mattina a Capaccio – Paestum, Roma e Scalea in provincia di Cosenza, i carabinieri di Agropoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 12 indagati (destinatari della misura degli arresti domiciliari), ritenuti responsabili di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti in concorso, nonché, per due di loro, anche di estorsione. Sono state eseguite anche quattro ordinanze applicative a quattro indagati di divieto di dimora nella provincia di Salerno. L’indagine è stata avviata nel luglio 2016, dall’arresto di un pregiudicato di Trentinara accusato di detenzione ai fini di spaccio di droga. Quest’ultimo aveva denunciato il proprio fornitore di droga operante nella Piana
del Sele, poiché, con minacce e violenze, lo aveva costretto a pagare il prezzo dello stupefacente che in precedenza gli aveva ceduto. Le indagini hanno consentito di individuare un gruppo di
spacciatori che si approvvigionava della droga a Napoli e la rivendeva nei comuni di Agropoli, Albanella, Battipaglia, Capaccio Paestum, Campagna, Castellabate, Castelnuovo Cilento, Ceraso, Ogliastro
Cilento, Roccadaspide e Vallo della Lucania.

Sulla vasta operazione antidroga, Monica Di Mauro ha raccolto il commento del colonnello Antonino Neosi, comandante provinciale dei Carabinieri di Salerno, e del procuratore aggiunto di Salerno, Luca Masini
Colonnello Neosi e Procuratore Masini

Lascia un Commento