Omicidio Migliaro, l’accusa chiede l’ergastolo per l’unico indagato, Ionut Alexa

Ergastolo per Ionut Alexa, unico imputato per l’omicidio di Natalino Migliaro, il 33enne battipagliese pestato fino a morire.

E' la richiesta avanzata ieri dal pm Katia Cardillo, durante la requisitoria davanti ai giudici della Corte d’Assise che, a gennaio, emetterà la sentenza sul rumeno.
L'uomo, a cui gli investigatori sono risaliti grazie alla prova del DNA, è accusato di aver picchiato il ragazzo e violentato la fidanzata. La coppia era appartata ibn località Lido Lago quando avvenne l'aggressione. Era ottobre di 2 anni fa ma il ragazzo morì a dicembre per le profonde lesioni subite nel corso del pestaggio.

Le indagini partirono dall'individuazione di due gruppi criminali operanti nella fascia costiera tra Battipaglia ed Eboli, uno composto da cittadini rumeni e l'altro da albanesi che favorivano e sfruttavano la prostituzione.

Lascia un Commento