Omicidio D’Onofrio a Salerno nel luglio 2017, in Procura una conferenza sui risultati delle indagini

Era la sera del 31 luglio del 2017 quando Ciro D’Onofrio venne ucciso con tre colpi di pistola al torace in via Kennedy a Salerno, nel quartiere Pastena.

Oggi alla Procura della Repubblica al Tribunale di Salerno, una conferenza stampa per illustrare nel dettaglio i risultati delle indagini condotte dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Salerno.

D’Onofrio morì per un’emorragia risultata fatale. AveVa 35 anni. Dalle successive indagini sarebbe emerso che i fatti sarebbero da collegare al controllo dello spaccio di droga, dei pagamenti che non sarebbero stati effettuati e dell’intenzione di allargarsi sul mercato del gruppo di amici cui faceva parte D’Onofrio.

Per la morte di Ciro D’Onofrio, nel giugno dello scorso anno, furono eseguite 6 misure cautelari personali di cui due applicative della custodia in carcere, una agli arresti domiciliari e tre obblighi di dimora, a carico di 4 uomini e 2 donne tutti domiciliati a San Mango Piemonte. Contestualmente la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni delegò l’esecuzione di un’ulteriore misura custodiale in carcere nei confronti di un giovane che, all’epoca dei fatti, era minorenne.

Alle persone raggiunte dalle misure cautelari furono contestati i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, hashish e cocaina, estorsione aggravata, detenzione illegale di armi da sparo.

Furono sequestrati 8,5 kg di droga e una pistola semiautomatica modificata detenuta dal minorenne.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento