Omicidio di Buonabitacolo, Lapenta resta in carcere. L’avvocato difensore “ho chiesto copia atti indagine”

Resta in carcere Karol Lapenta, il 18enne di Buonabitacolo che ha confessato di avere ucciso a coltellate il coetaneo Antonio Pascuzzo lo scorso 6 aprile per incomprensioni legate alla vendita di droga.

Ieri si è tenuto l‘interrogatorio di garanzia del 18enne.

Il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere, accogliendo le richieste del pubblico ministero per i gravi indizi di colpevolezza a carico di Lapenta. Intanto l’Avvocato difensore di Lapenta, Michele Di Iesu, con una nota stampa parla del procedimento penale a carico del suo assistito

“A fronte delle numerose richieste di informazioni ricevute – scrive l’Avvocato Di Iesu – si procederà  alla richiesta di copia di tutti gli atti di indagine sino ad ora compiuti al fine di valutare la completa fondatezza della confessione del proprio assistito. Mio tramite – conclude l’avvocato Michele Di Iesu – la famiglia Lapenta, profondamente addolorata per l’accaduto, si stringe al dolore che ha colpito la famiglia Pascuzzo per l’immane tragedia”.

Lascia un Commento