Omicidio Angelo Vassallo. Il fratello Dario “sono fiducioso sulle indagini”

Ha parlato delle indagini, Dario Vassallo, in occasione dell’ottavo anniversario dell’omicidio del fratello Angelo sindaco di Pollica.

“Questa volta, riguardo le indagini sulla morte di mio fratello, sono fiducioso”, ha dichiarato Dario Vassallo, presidente della “Fondazione Angelo Vassallo”, in occasione della due giorni organizzata in collaborazione con il Comune di Pollica dal titolo “Quando la memoria diventa speranza”. Una manifestazione per ricordare l’assassinio del sindaco pescatore. Ieri sera, il momento più commovente quando si è svolta la cerimonia di intitolazione del porto turistico di Acciaroli ad Angelo Vassallo. Presente tanta gente ed associazioni, l’ex procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, assessore regionale alla Sicurezza e il vice presidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola.

“Penso di sapere chi ha sparato a mio fratello, e sono fiducioso che presto, grazie al grande impegno di magistratura e forze dell’ordine, arriveremo tutti insieme alla verità”, ha aggiunto Dario Vassallo, a proposito della indagine in corso da parte della Dda di Salerno e nella quale sarebbe indagato un ex brigadiere dei carabinieri, già agli arresti per presunti rapporti con il clan camorristico di Caivano, nel napoletano.

Il presidente della “Fondazione Angelo Vassallo” ricorda che lo scorso anno, il 6 settembre, l’allora ministro della Giustizia Andrea Orlando aveva dichiarato di volerlo incontrare. Dario ha detto di aver provato provato a contattarlo più volte, senza alcuna risposta. Ora il fratello del sindaco ucciso chiede un incontro con l’attuale ministro Alfonso Bonafede.

Lascia un Commento