Omicidio Agropoli, parla il legale della famiglia Borrelli. Ascolta l’intervista

Resta in carcere Mrabet Nezar, il giovane di 25 anni, di origini tunisine, reo confesso dell’omicidio del 20enne Marco Borrelli, compiuto ad Agropoli, fra giovedì e venerdì scorsi.

Il Gip del tribunale di Vallo della Lucania ha disposto la misura cautelare in carcere del 25enne di origini italo-tunisine. L’accusa è di omicidio volontario premeditato. Nezar è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Agropoli venerdì scorso, un paio d’ore dopo il ritrovamento del cadavere di Marco Borrelli. Dopo l’arresto, il 25enne aveva spiegato agli inquirenti di aver incontrato Borrelli giovedì sera. Al centro dell’incontro, il rapporto nato da poco tra il giovane agropolese e l’ex compagna di Nezar, dalla quale il tunisino aveva avuto due figli.L’incontro è degenerato e Nezar ha colpito e ucciso con un coltello alla gola Borrelli.

Questa mattina anche l’autopsia sul corpo del 20enne e probabilmente domani pomeriggio si terranno i funerali. Stasera, ad Agropoli, dalle 20, una fiaccolata che partirà dalla zona in cui abitava Marco Borrelli e terminerà davanti alla chiesa di sant’Antonio.

A Radio Alfa è intervenuto il legale della famiglia Borrelli, l’avvocato e senatore Franco Cardiello. 

Riascolta l’intervista realizzata da Pino D’Elia
avv Franco Cardiello omicidio Agropoli

Lascia un Commento