Omicidio a Pisa, Marchesano ucciso con dieci colpi di pistola

L’autopsia eseguita sul corpo di Giuseppe Marchesano, 27 anni, originario di Buonabitacolo, ucciso in provincia di Pisa lo scorso 9 novembre, ha stabilito che è stato raggiunto da almeno 10 colpi di pistola, probabilmente una 357 magnum.

L’omicida ha prima sparato sette colpi e, dopo aver svuotato la pistola, ha ricaricato e sparato altre 3 volte. L’omicida che ha confessato il delitto al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pisa è il 27enne Danny Scotto, ex amico di Giuseppe. L’omicidio è avvenuto nell’abitazione della vittima, che viveva a Castel del Bosco a Montopoli.

Secondo gli accertamenti effettuati dal medico legale, quattro colpi hanno raggiunto Marchesano al volto e uno o due lo hanno raggiunto alle gambe. Sul corpo della vittima sono stati prelevati anche dei campioni biologici che dovranno ora essere confrontati col Dna di Scotto.

Nelle prossime settimane verranno inoltre effettuate le prove balistiche dalle quali si attende una risposta definitiva sull’arma utilizzata per uccidere Marchesano. Si tratta di prove irripetibili e perciò dovranno essere eseguite dai carabinieri del Ris alla presenza dei periti di parte.

Lascia un Commento