Obbligava la fidanzata a prostituirsi lungo la Litoranea di Eboli. Arrestato

Un 32enne di origini rumene è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di “favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione” e di “riduzione in schiavitù”,  nei confronti della sua fidanzata di 20 anni che, pochi mesi fa, era stata fatta giungere in Italia, dal giovane con la promessa di sposarla e di trovarle un’occupazione in un’azienda agricola della Piana del Sele.

I carabinieri però hanno accertato che il fidanzato accompagnava quotidianamente la ragazza, sia la mattina che il pomeriggio, lungo la litoranea di Eboli, a bordo della sua autovettura, obbligandola a prostituirsi.

Allo stesso tempo le garantiva protezione attraverso il denaro ricavato dal meretricio.

Al termine delle indagini, quindi, il 32enne è stato rinchiuso nel carcere di Fuorni, mentre la giovane è stata accompagnata presso una struttura di accoglienza

Lascia un Commento