Non si placano le polemiche per la nuova scultura della “Spigolatrice” a Sapri. A Radio Alfa il commento del sindaco Antonio Gentile

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Non si placano le polemiche per la nuova scultura della “Spigolatrice” inaugurata sabato scorso a Sapri. L’opera è dell’artista Emanuele Stifano. A scatenare le polemiche, per prima, è stata Manuela Repetti, ex senatrice del Movimento 5 Stelle, che ha sottolineato l’abito succinto, trasparente e l’atteggiamento provocante e lascivo della lavoratrice dei campi rappresentata. Repetti parla di “schiaffo sessista a tutte le donne” suggerendo di abbattere la statua.
Oggi la replica dell’artista Emanuele Stifano che si è detto “allibito e sconfortato”. “Quando realizzo una scultura tendo sempre a coprire il meno possibile il corpo umano, a prescindere dal sesso. Nel caso della Spigolatrice, poiché andava posizionata sul lungomare, ho approfittato della brezza marina che la investe per dare movimento alla lunga gonna, e mettere così in evidenza il corpo. Non doveva essere un’istantanea fedele di una contadina dell’800 ma rappresentare un ideale di donna, evocarne la fierezza, il risveglio di una coscienza, il tutto in un attimo di grande pathos” queste le parole dell’artista che sottolinea anche che il bozzetto preparatorio era stato visionato e approvato dalla committenza. A Radio Alfa la replica del sindaco di Sapri, Antonio Gentile

 

Ascolta
spigolatrice
Il file audio (podcast) di questa notizia scadrà dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione. Successivamente sarà possibile richiederlo via Email.

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Una risposta

  1. Rino De Lucia 27/09/2021

Lascia un Commento