Nocera I (SA) – Trenta anni di carcere ai killer di Gaetana Spinosa. La richiesta del Pm

Trent’anni di carcere ai killer di Gaetana Spinosa, la tabaccaia, di 80 anni, uccisa un anno fa nel suo negozio di Nocera Inferiore. Questa la richiesta del pubblico ministero Giancarlo Lo Russo della procura di Nocera Inferiore per i due imputati dell’omicidio: Giovanni Fierro, di 39 anni, e la convivente Monica Chechile, 46 anni, entrambi di Nocera inferiore. Secondo il pm i due erano capaci di intendere di volere e hanno agito per motivi abietti, con crudeltà e sevizie. La difesa sostiene che erano sotto l’effetto di stupefacenti che aveva provocato uno stato di seminfermità mentale al momento del delitto. L’omicidio si consumò il 7 febbraio dello scorso anno e colpì duramente l’opinione pubblica per le modalità e l’efferatezza. Era una domenica sera e la tabaccaia era nel suo negozio quando gli assassini la colpirono prima con un lucchetto, la soffocarono e poi le diedero fuoco allo scopo di rapinarla di circa 500 euro che erano nella cassa. Le fasi furono riprese dalle videocamere di sorveglianza. Fierro e Chechile, imputati del delitto, rispondono di omicidio pluriaggravato, vilipendio di cadavere e di incendio. I due compariranno davanti al Gup del Tribunale di Nocera, il 13 aprile, per essere giudicati con il rito abbreviato.

Lascia un Commento