Neonata morta a Roccapiemonte, la madre ai domiciliari in una clinica psichiatrica

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Lascia il carcere per gli arresti domiciliari da scontare in una clinica psichiatrica di Nocera Inferiore, la donna di 41 anni di Roccapiemonte accusata di aver ucciso la figlioletta appena data alla luce nell’appartamento in cui viveva con il marito in via Roma. 

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore ha disposto che le condizioni della donna non sono compatibili con il regime carcerario a causa delle patologie di cui soffre. Le indagini continuano e si è in attesa, tra l’altro, di conoscere l’esame del Dna della piccola, dal momento che il marito della 41enne non è certo di essere il padre. L’uomo 47enne è indagato a piede libero. 

 

La Procura è in attesa dell’esito degli accertamenti svolti dai carabinieri del Ris di Roma, che hanno fatto rilievi per due giorni a Roccapiemonte, all’interno e all’esterno della casa della coppia, dove il 2 settembre fu scoperto il cadavere della neonata. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp