Nel Potentino in 10 anni stop per 923 negozi

“In provincia di Potenza, tra il 2006 e il 2016 hanno abbassato la saracinesca 923 esercizi commerciali di cui 749 sono attività di vendita al dettaglio”: lo ha detto, in una nota, la Confesercenti di Potenza, commentando i dati Istat.

“Tra il 2006 e il 2016, per le imprese commerciali che hanno meno di dieci addetti si stima un saldo demografico negativo di oltre 100 mila unità. Da noi, in termini di occupazione – ha spiegato il presidente, Giorgio Lamorgese – è come se un’intera linea produttiva della Sata di Melfi fosse stata smantellata. Con la situazione ancora più allarmante in tanti piccoli paesi, dove stanno scomparendo persino i negozi di generi alimentari i cui titolari per non chiudere già da qualche anno hanno ampliato i generi merceologici di vendita diventando mini-supermercati. Purtroppo deregulation, apertura di centri commerciali, crisi economica e calo spesa delle famiglie stanno distruggendo gli esercizi di vicinato. E se non fosse per il turnover alimentato da nuove iscrizioni alla Camera di Commercio dell’ordine di poco di 300 matricole in media l’anno, il bilancio sarebbe da noi ancora più negativo”.

Lascia un Commento