Nave con 629 migranti respinta da Salvini. Il sindaco di Sapri: “Attracchi da noi”

Anche il sindaco di Sapri, Antonio Gentile, offre la disponibilità del porto per fare attraccare la nave Acquarius, con 629 migranti a bordo. La proposta del sindaco della città della spigolatrice fa eco a quella del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, in risposta alla decisione del ministro dell’Interno Matteo Salvini di non concedere all’imbarcazione l’autorizzazione ad attraccare in Italia.

“Vada a Malta”, ha detto Salvini suscitando polemiche per questa decisione che, secondo molti, non tiene conto di tanti essere umani a bordo dell’imbarcazione che rischiano di morire in mare.

“Il nostro porto è piccolo ma se dovesse servire è a disposizione”, ha detto il sindaco di Sapri, spiegando che “la politica deve assumersi le proprie responsabilità. Indipendentemente dalle competenze di ognuno, è impensabile non rispondere a questo appello umanitario. Chi conosce e vive il mare, sa che non si può lasciare così una barca in mare ma va soccorsa. Noi come città di mare rispondiamo a questo appello”.

Sul caso della nave Aquarius interviene anche il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, per il quale “il problema umanitario è da risolvere prima di ogni altro. Credo che questo debba essere un problema da affrontare al di là di ogni altra valutazione. Su tutto il resto si può discutere”.

Lascia un Commento