Napoli – Tavella (Cgil) protocollo per la legalità a Salerno

Commentando le ultime dichiarazioni del presidente della Regione, Stefano Caldoro, che ha parlato di mancata difesa di alcune aree industriali salernitane, Franco Tavella, segretario generale Cgil Campania, ricorda che Salerno mantiene un apparato industriale di tutto rispetto caratterizzato dalla presenza, tra l’altro, di due eccellenze: l’Agro Nocerino Sarnese, legato alla trasformazione del pomodoro e a tutta la filiera agroalimentare, con indici sull’esportazione molto significativi; e poi, a Sud della Provincia, il Polo industriale di Battipaglia, rivolto alla tecnologia e all’indotto metalmeccanico e chimico, in parte connesso alla Fiat. “Salerno e la sua provincia – sottolinea Tavella – è stata colpita da un processo di deindustrializzazione che ha riguardato tutto il territorio regionale, perché in questi anni è mancata una qualsivoglia politica industriale che non fosse rappresentata dalla difesa della singola azienda in crisi. Sbagliato quindi, secondo il leader regionale della Cgil – affermare che Salerno non ha saputo difendere il proprio apparato industriale: tutto il Paese, in questi anni, si è indebolito ed in particolare il Mezzogiorno”. La Regione, secondo Tavella, può svolgere un ruolo importante investendo, con puntualità, le uniche risorse disponibili che derivano dai Fondi europei.

”E’ altrettanto fondamentale – conclude Tavella – che sulla distribuzione dei fondi non si apra il mercato della politica. La Regione – avverte – vigili sulle ricadute occupazionali, guardando con attenzione al lavoro e ai lavoratori”.

Lascia un Commento