NAPOLI – Rifiuti, Bassolino rinviato a giudizio per peculato

Il presidente uscente della Regione Campania, Antonio Bassolino, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di peculato al termine dell’udienza preliminare per la vicenda delle cosiddette ‘consulenze d’orò al commissariato straordinario per la gestione dei rifiuti in Campania. Lo ha deciso stamattina il gup di Napoli Vincenzo Alabiso. Bassolino è stato invece prosciolto in relazione dal reato di falso. Il gup ha accolto parzialmente le richieste del pm Giancarlo Novelli. Il processo nei confronti di Bassolino comincerà il 20 luglio prossimo davanti alla prima sezione del tribunale. Il gup, inoltre, a conclusione del giudizio con rito abbreviato ha condannato l’ex vice commissario all’emergenza Raffaele Vanoli e l’avvocato amministrativista Enrico Soprano, rispettivamente a due anni e un anno e sei mesi di reclusione (pena sospesa) sempre per l’accusa di concorso in peculato. Tra i rinviati a giudizio figura inoltre l’ex sub commissario all’emergenza Giulio Facchi.

Lascia un Commento