Napoli – Protesta degli operai della comunità montana Irno Solofrana.

Si è spostata da Calvanico, dov’è la sede della Comunità Montana Irno Solofrana, a Napoli la protesta degli idraulico forestali che da tempo manifestano per ottenere il pagamento di 17 mensilità. La battaglia si è inasprita dopo il suicidio di un dipendente originario della provincia di Avellino, alcune settimane fa. Oggi cinque forestali hanno deciso di cominciare lo sciopero della fame occupando, all’alba, insieme a circa 100 colleghi prima la sede di Calvanico e poi mettendo in atto un sit in dinanzi alla sede della Regione Campania.
I manifestanti hanno esposto uno striscione con la foto, una gigantografia di Franco Argenio, l’operaio idraulico-forestale della Comunità Montana Irno-Solofrana, suicidatosi lo scorso 15 novembre.

"Siamo disperati – hanno gridato al megafono – così come lo era Franco quando ha deciso di buttarsi in quel pozzo lasciando a casa moglie e due figli”. I manifestanti chiedono che gli sia restituita la propria dignità. La comunità montana, impegnata in un’area ad alto rischio idrogeologico tra le province di Avellino e Salerno, dava occupazione a più di 100 operai alcuni dei quali con oltre 35 anni di servizio 

Lascia un Commento