NAPOLI – Crisi centri di riabilitazione: chiusura il 16 novembre

Poco più di due settimane: è questo il tempo che le associazioni di categoria del comparto socio sanitario campano hanno dato a Regione, Asl e Comuni per rivedere i criteri della delibera 50 del 2012 sui criteri di compartecipazione alla spesa socio sanitaria. Slitta quindi al 16 novembre la data di cessazione delle attività con il conseguente licenziamento di 2300 addetti e la dimissione di oltre 4mila pazienti in tutta la Campania. E’ quanto si legge in documento redatto al termine dell’audizone congiunta con le commissioni regionali Sanità e Politiche Sociali firmata da Salvatore Parisi (Anffas Campania), Bruno Pizza e Pier Paolo Polizzi. Il documento congiunto redatto dalle due commissioni ha impegnato la Regione a ricercare tutte le soluzioni possibili per salvare il settore. Tra le proposte avanzate quella che sia proprio la struttura commissariale regionale ad accollarsi la quota dei Comuni che, già limitati dal patto di stabilità, non sono in grado di corrispondere la loro quota sociale. I centri, invece, hanno chiesto che la quota di competenza degli ambiti territoriali e dei Comuni, a partire da maggio scoso, venga anticipata dalle Asl.

Lascia un Commento