Musei e siti archeologici nel Salernitano, dati visite nel 2018. Padula e Sarno in ascesa

Sono stati pubblicati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali i dati sulle affluenze del 2018 dei luoghi della cultura italiani.

A livello nazionale i musei e siti archeologici statali sono stati visitati, nel 2018, da oltre 55 milioni di persone con un incremento superiore ai cinque milioni rispetto al 2017. I più visitati: Colosseo a Roma, Pompei e Uffizi a Firenze

Nella classifica dei 30 luoghi maggiormente visitati, la Campania si attesta in seconda posizione con 6 siti.

Il Parco Archeologico di Paestum si conferma un’eccellenza anche se perde il 3% circa di visitatori passando con poco più di 427mila visitatori nel 2018 ma registrando un aumento dello 0,53 % degli introiti che in pochissimi anni si sono raddoppiati sfiorando oggi i due milioni di euro.

Ottimo risultato anche per il Museo della Valle del Sarno con circa 4mila visitatori e un bel +46%

La Certosa di San Lorenzo a Padula continua pian piano a crescere. Qui sono stati circa 91mila gli ingressi nel 2018 con un incremento del +2%. In totale la Certosa, patrimonio Unesco, ha incassato circa 250mila euro con +61% rispetto al 2017.

Il Parco archeologico di Elea-Velia, con circa 24mila visitatori ha registrato nel 2018 un calo del -7% circa rispetto al 2017. Le cause sono da individuare nella chiusura di buona parte del sito, fino allo scorso dicembre, causato dai danni dell’incendio del luglio 2016 .

Tra gli altri siti interessati dai rilevamenti ministeriali: circa 28mila visitatori per il Complesso di San Pietro a Corte a Salerno (+4%); circa 28mila visitatori per la Villa Marittima e l’Antiquarium di Minori con -0,34%; l’Antiquarium di Sala Consilina con 350 visitatori;  il Museo Archeologico Nazionale di Volcei “Marcello Gigante”che ha registrato circa 5.500 visitatori (-3% rispetto al 2017); il Museo Archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele con 2.700 circa (-32%); Museo archeologico nazionale di Pontecagnano con circa 8mila (+8% circa).

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento