Muore Gabriele Milito accusato dell’omicidio della moglie a Sapri. Rifiutava il cibo

È morto all’Ospedale di Paola in Calabria Gabriele Milito, l’uomo di 75 anni accusato dell’omicidio della moglie Antonietta Ciancio avvenuto lo scorso 29 aprile con un colpo di pistola alla nuca nella loro abitazione a Sapri in Corso Garibaldi.

Il cadavere della donna fu ritrovato dai Carabinieri di Sapri tre giorni dopo, a seguito di una denuncia da parte dei familiari che non riuscivano più a mettersi in contatto con lei.

Milito fu poi trovato in aperta campagna in stato confusionale ammettendo di aver premuto per errore il grilletto della sua pistola regolarmente detenuta.

L’uomo era attualmente detenuto nel carcere di Paola e da giorni pare rifiutasseil cibo forse perché caduto in depressione.

Lascia un Commento